Shenzhen OK Biotech Technology Co., Ltd (SZOB)
Categories
Casa > Notizie > Contenuto

Ganciclovir, 82410-32-0, prodotti intermedi e prodotti chimici fini

La FDA approva il ganciclovir orale 82410-32-0 come prevenzione della retinite da CMV

ROCHESTER, NY-Opzioni di trattamento per la più comune complicanza oculare in pazienti affetti da AIDS, retinite da citomegalovirus (CMV), hanno ricevuto una spinta a dicembre con l'approvazione di Ganciclovir 82410-32-0 capsule (Cytovene, Syntex) come prima prevenzione trattamento per la malattia potenzialmente letale.

Come questa approvazione aiuterà gli optometristi a gestire la retinite da CMV può dipendere in parte dalla completezza di una storia medica che possono scatenare dai pazienti, ha detto Gabrielle Bodnar, MD, uno specialista della retina presso il Genesee Valley Eye Institute.

Ganciclovir 82410-32-0 è attualmente utilizzato come terapia di mantenimento della retinite da CMV in persone con AIDS; questi pazienti sono più sensibili alla malattia quando la loro conta di CD4 scende al di sotto di 100. Quando il CMV invade la retina, le lesioni si formano, causando un deterioramento della vista. Se non trattata, la retinite da CMV può portare alla cecità.


I risultati pubblicati il ​​mese scorso negli Archives of Ophthalmology indicano che una combinazione di ganciclovir 82410-32-0 e foscarnet (Foscavir, Astra Pharm) può offrire ai pazienti con malattia recidivante il controllo più efficace ["Combinazione Foscarnet e Ganciclovir Terapia vs Monoterapia per il trattamento di citomegalovirus recidivato in pazienti con AIDS: il trial per il ritrattamento del citomegalovirus. " Arch Ophthalmol. 1996; 114: 23-32].


Il trial, finanziato dal National Eye Institute, ha coinvolto 279 pazienti che erano stati trattati per retinite da CMV con foscarnet o ganciclovir 82410-32-0 , ma ha avuto una ricaduta. Nei pazienti che hanno ricevuto entrambi i farmaci, la retinite da CMV è stata controllata per circa 4 mesi, mentre i pazienti trattati con entrambi i farmaci hanno avuto una recidiva da 1 a 2 mesi.

La necrosi è un sintomo comune


Gli optometristi che diagnosticano la retinite da CMV in pazienti con HIV dovrebbero riportare la scoperta al medico del paziente HIV in modo che il trattamento possa iniziare immediatamente, ha detto Bodnar, professore assistente di oculistica presso l'Università di Rochester School of Medicine and Dentistry.


Se i pazienti non rivelano il loro stato di HIV, ma hanno i sintomi della retinite da CMV, Bodnar ha detto che è ragionevole chiedere se c'è qualcosa nella loro storia clinica che potrebbe indicare la malattia. "Se l'optometrista non riesce a ottenere una storia che suggerisce una malattia infettiva o di uno specialista coinvolto e crede che lui o lei stia guardando la retinite da CMV, il paziente deve essere inviato direttamente a uno specialista della retina", ha detto.

I sintomi della retinite da CMV nelle persone affette da AIDS includono i flash e i floater; perdita del campo visivo, in particolare, perdita della visione laterale; e visione offuscata o confusa. All'esame, Bodnar disse: "Gli optometristi potrebbero osservare un sacco di necrosi, la retina tende ad apparire grigiastro e torbida e possono o non possono esserci emorragie".


I sintomi sono simili a quelli riscontrati nei pazienti con AIDS con toxoplasmosi oculare. Tuttavia, la quantità di infiammazione osservata nei pazienti con toxoplasmosi è spesso superiore a quella osservata con infezione da CMV. I pazienti con distacco di retina possono anche ospitare CMV e spesso è possibile trovare una CMV attiva adiacente al distacco.


Bodnar ha detto che altre condizioni che possono mascherarsi da retinite da CMV includono la sifilide e altri virus della famiglia dell'herpes come l'herpes simplex e lo zoster.


Il pilastro del trattamento per i pazienti con retinite da CMV è la terapia endovenosa, ha detto Bodnar. La terapia può iniziare con foscarnet o ganciclovir 82410-32-0 due volte al giorno per due o tre settimane. I pazienti che rispondono favorevolmente possono essere in grado di tornare al trattamento endovenoso una volta al giorno e hanno anche l'opzione di capsule di ganciclovir per la terapia di mantenimento.


Alcuni professionisti optano per un impianto di ganciclovir 82410-32-0 come trattamento primario per la retinite da CMV, ha detto Bodnar, per i pazienti che non tollerano i farmaci a livello sistemico, che soffrono di effetti collaterali o semplicemente rifiutano la terapia endovenosa. Il lato negativo di un impianto è che si tratta di terapia locale, ha detto, e nei pazienti che presentano una malattia bilaterale, ogni occhio ha bisogno di un trattamento individuale.


Preparare i pazienti per la ricorrenza

--- Tre metodi di consegna per il trattamento della retinite da CMV: per via orale, per via endovenosa o con il nuovo impianto.


Secondo Bodnar, un aspetto degli optometristi in terapia dovrebbe condividere con i pazienti con retinite da CMV e prepararli per le recidive. "Dico ai pazienti che non è davvero un fallimento totale o qualcosa di inaspettato", ha detto. "È solo il decorso naturale della malattia, in quanto prima lo abbiamo sotto controllo e poi ricorre alla fine.Il tempo tra ogni ricorrenza successiva è inferiore e ci sono nuovi farmaci disponibili come farmaci sperimentali su base compassionevole per le persone che stanno rompendo attraverso tutto il resto e ancora ricorrendo ".


Cidofovir (Vistide, Gilead Sciences) è una terapia disponibile nell'ambito di un programma di trattamento con nuovi farmaci sperimentali per pazienti con retinite CMV recidivante. I candidati a questo programma sono pazienti la cui malattia è progredita nonostante il trattamento con terapia approvata o che non può tollerare tale trattamento.


Poiché la retinite da CMV richiede un trattamento permanente, Bodnar ritiene che il miglior manager di questi pazienti sia un esaminatore coerente.


"Una volta che a questi pazienti viene diagnosticata la retinite da CMV, è utile avere un osservatore coerente per essere in grado di dire quando stanno cambiando", ha detto.


"Molti luoghi scattano foto ogni visita, ma in una clinica che non può permetterselo, devi fare disegni, quindi è fondamentale che sia la stessa persona. Qualcun altro che guarda i miei disegni non saprà se qualcosa sta avanzando con la stessa facilità con cui vorrei


Contattaci
Indirizzo: HK: 6/F, Fo Tan Industrial Centre, Au Pui Wan St 26-28, Fo Tan, Shatin, Hong Kong Shenzhen: 8F, edificio Fuxuan, n. 46, East Heping Rd, Longhua New District, Shenzhen, PRC Cina
Telefono: +852 6679 4580
 Fax:
 Posta elettronica:smile@ok-biotech.com
Shenzhen OK Biotech Technology Co., Ltd.(SZOB)
Share: